POTENZIAMENTO UMANO: UN CAMMINO AD OSTACOLI - Fondazione Università Magna Graecia

archivio notizie - Fondazione Università Magna Graecia

POTENZIAMENTO UMANO: UN CAMMINO AD OSTACOLI

 
POTENZIAMENTO UMANO: UN CAMMINO AD OSTACOLI

Articolo a cura della redazione dell’I.T.S.T. “Scalfaro”

 

“La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero, la fonte di ogni vera arte e ogni vera scienza”. È ciò che affermava Albert Einstein per definire quel mistero che avvolge la vita umana e intorno a cui operano le idee migliori.Quando si entra nell’enigmatico mondo scientifico e quando si parla di potenziamento umano e manipolazioni genetiche si valicano sempre luoghi dove regna sovrano il mistero. Una parte importante della comunità scientifica si è schierata a favore dell’evoluzione in ambito genetico; migliorare il corpo umano, renderlo immune da ogni condizione traumatica è stato il primo obiettivo della scienza soprattutto di chi si occupa di potenziamento in ambito umano. La scienza ha aiutato ed aiuta milioni di vite e agirebbe in modo molto più efficace se invece di curare la malattia dall’esterno, con i metodi più svariati, potesse agire dall’interno, mutare il gene che provoca tali malattie gravi e garantire al paziente una vita qualitativamente migliore. Ma altrettanto facile sarebbe vedere gente “normale” non affetta da nessuna patologia, apportare al proprio corpo modifiche che potrebbero garantire intelligenza, bellezza, e longevità. Da una parte la scienza avrebbe il potere di aiutare chi è più sfortunato, dall’altra potrebbe avvantaggiare chi sta già bene. Gli oppositori di tale teoria adducono a una serie di motivazioni: chi cita Dio, chi la morale in generale, ecc; chi è d’accordo, si appella a tanti motivi come la possibile manipolazione della natura e ad una varietà di opinioni che sconfinerebbe nei più disparati ambiti dell’etica. Il confine che divide ciò che è reale, da ciò che è fantascienza e ciò che è immorale, da ciò che è eticamente corretto, è molto sottile.

La sperimentazione, è in continuo avanzamento, si spinge verso l’ignoto, verso luoghi apparentemente bui e oscuri e non esita ad incontrare ostacoli. Pertanto, con la manipolazione genetica e il potenziamento in genere si possono ottenere enormi benefici, ma allo stesso tempo non si può esser sicuri che tali tecnologie non cadano in mano a gente spietata, senza scrupoli, che potrebbe dar sfogo, per usare un eufemismo, alle proprie stravaganze. Al di là di ogni possibile strumentalizzazione, il progresso scientifico è lanciato ad alta velocità, e se non dovesse incontrare sul proprio cammino immotivate ideologie morali, si può sperare che possa rappresentare la possibile soluzione ai problemi che affliggono l’umanità.

 

Guarda il video realizzato dalla redazione

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (654 valutazioni)